Cos’è

La parte del viso che viene più osservata, ma che purtroppo invecchia più rapidamente, è proprio la regione oculare. Oltre ai classici danni dovuti all’invecchiamento – perdità di elasticità, assottigliamento e ptosi dei tegumenti, distrofia muscolo-adiposa – l’area palpebrale manifesta dei danni specifici che consistono in un rilassamento cutaneo muscolare ed in una mal posizione dei corpi adiposi. L’insieme di questi difetti rende lo sguardo stanco e spento. La chirurgia delle palpebre è nata proprio per rispondere all’esigenza di restituire freschezza al viso ed allo sguardo.

La blefaroplastica, è una procedura chirurgica che permette di eliminare l’eccesso cutaneo-muscolare e di grasso con un ringiovanimento globale del viso.
L’intervento viene eseguito ambulatorialmente, in anestesia locale con sedazione.
Le incisioni chirurgiche, e quindi le cicatrici che ne residuano, sono nascoste. Per la palpebra superiore dal solco palpebrale sporgendo solo per un centimetro lateralmente; per quella inferiore la cicatrice sarà a tre millimetri dal bordo ciliare e quindi quasi invisibile.

Quando è indicata

• Borse oculari dovute ad accumulo adiposo periorbitale
• Blefarocalasi, ossia palpebra superiore cadente che conferisce uno sguardo triste e stanco e che nei casi più avanzati può interferire anche con la vista
• Occhiaie e depressione cutanea periorbitale
• Zampe di gallina e rilassamento cutaneo

Anestesia

L’intervento avviene in day hospital e anestesia locale pura o associata a sedazione.

Intervento

L’intervento di blefaroplastica richiede da una a tre ore a seconda del numero di palpebre da operare (superiore o superiore ed inferiore). Le incisioni vengono praticate in corrispondenza del solco palpebale superiore ed a 3mm dal bordo ciliare della palpebra inferiore. Si rimuove la cute e il grasso in eccesso, e le incisioni vengono richiuse con sottilissimi punti di sutura. Nel caso fosse presente solo del grasso nella parte inferiore della palpebra, lo stesso, potrebbe essere rimosso tramite un’incisione praticata all’interno della palpebra inferiore senza alcuna incisione o cicatrice esterna (blefaroplastica per via transcongiuntivale). In questo caso non ci saranno cicatrici o punti di sutura.

Per evitare il rischio di infezioni viene somministrato un antibiotico ed una regolare ed accurata pulizia delle ferite. Se si dovessero presentare, i lividi e la sensibilità alla luce possono perdurare per 10-15 giorni. Il gonfiore scomparirà progressivamente dopo 1 o 2 settimane. I punti vengono tolti dopo 3/6 giorni successivi all’intervento a seconda della guarigione delle ferite.